Passa ai contenuti principali

37 guida: Decidere di pubblicare il romanzo


Come scrivere un romanzo e comunicare un messaggio:
Trentasettesimo capitolo
- Pubblicare il romanzo -


Ben ritrovati con questo ultimo consiglio, mi piacerebbe affrontare l'argomento di come pubblicare il romanzo che faticosamente abbiamo costruito insieme, sempre se è quello che desiderate davvero e per chi non ha idea di come si faccia l'informazione sta alla base di qualsiasi tentativo possiate fare.

Non è poi così complicato, basta che cerchiate le case editrici che pubblicano il vostro genere di romanzo, se avete scritto un Fantasy non inviatelo nemmeno ad un editore che principalmente si occupa del genere horror, gli fareste solo perdere tempo e voi non avreste mai una risposta, nemmeno negativa, è difficile che si prendano il disturbo di dare una spiegazione ed è anche comprensibile, con tutto il lavoro che giorno dopo giorno gli arriva in redazione, quindi informatevi su quali case editrici fanno al caso vostro e poi consultate la pagina online oppure la pagina facebook per capire cosa cercano e se il vostro romanzo possa interessargli.

Se guardate con attenzione il sito online, di solito si trova una sezione dedicata all'invio del manoscritto, leggete bene quello che richiedono, di solito, come vi avevo accennato la volta passata, una sinossi e un estratto del libro a vostra scelta, oppure vogliono l'opera per intera, dipende, quindi seguite alla lettera le indicazioni, ad esempio, alcune case editrici vogliono l'allegato tramite email, altre hanno un'altra sezione in cui inserire e spedire, ma nessuno ormai richiede più il cartaceo, purtroppo.

Prima di spedire dovete essere assolutamente sicuri di quello che avete scritto, se non siete soddisfatti probabilmente non andrà bene nemmeno per una casa editrice, l'incentivo parte da voi e da quanto ci credete.

Spero, per chi ha affrontato questo viaggio con l'intenzione di fare di una passione un lavoro, che possa realizzare il suo sogno. 

L'avventura è finita, non è stata una semplice scalata, la montagna aveva appigli scivolosi, ma adesso che stiamo guardando il panorama e la vetta è raggiunta, come vi sentite?

Siate almeno orgogliosi del lavoro che avete svolto.

Esercizio:

Come vi comportate per l'invio del manoscritto?

Che esperienze avete avuto?

A presto, come sempre la vostra Sharon.

Commenti

  1. Ciao Sharon, concordo, bisogna scegliere con cura l'editore. Ad alcuni sembra un lavoro noioso e preferiscono spedire a caso, invece a me capita di osservare i siti web delle CE e sentire una carica di adrenalina, quando scelgo a chi inviare mi sento già a un passo dal sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa!
      Succede anche a me!
      Il fatto di scegliere con cura l'editore che possa fare al mio caso, mi fa sentire felice, certo anche terrorizzata dal pensiero di non ricevere risposta, però almeno so di averci provato!
      A presto.
      Sharon

      Elimina

Posta un commento

Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi rimanere aggiornato sulla conversazione via e-mail ti consiglio di mettere la spunta su "inviami notifiche".
Il tuo parere conta, ma non dimenticarti di esprimerlo!

Post popolari in questo blog

Intervista a Giuseppe Santelli – Editore

Intervista a Giuseppe Santelli - Editore
Ciao Giuseppe, innanzitutto grazie per aver accettato di prendere parte a quest'intervista, che spero possa rendere più chiara la nostra recente collaborazione. 
Il libro pubblicato della Santelli è un testo di saggistica e rientra nel catalogo del 2018.  

1 – La Santelli Editore nasce nel 1987 quando ancora i libri venivano stampati con il piombo.  Puoi raccontarci questo procedimento? 
Io stesso non ero ancora nato e non ho visto con i miei occhi quei procedimenti, sono un nativo digitale. Tuttavia ho sopperito con lo studio e grazie ai racconti di mio padre. 
Di fatto, a quell'epoca i computer non svolgevano ancora la funzione odierna ed erano solo dei prototipi. 
Per scrivere i libri venivano utilizzate le “linotype”, una sorta di gigantesca macchina da scrivere dove veniva inserito il piombo fuso e il libro veniva costruito letteralmente riga dopo riga. 
Successivamente, in base al formato del libro, venivano letteralmente legate un…

Daniel Di Benedetto - Il senso della colpa -

Rubrica settimanale degli scrittori  Buon mercoledì e ben ritrovati con la rubrica settimanale. Quest'oggi vi presento un autore della casa editrice Dark Zone che pubblicherà il romanzo per il lancio al Salone del Libro di Torino 2018.
Il romanzo sarà disponibile presso lo stand della Dark Zone. 
Biografia autore - Daniel Di Benedetto: 


Daniel Di Benedetto nasce a Torino il 21 ottobre del 1981 e tuttora, nonostante tutto, vive da quelle parti.
Ha un pensiero fisso nella testa.
Vedere sorridere le persone.
Scrive su un blog da oltre dieci anni (http://halfangel.iobloggo.com), inoltre collabora periodicamente col sito internet www.nabikiblob.com dove si occupa dello spazio dedicato ai “cassetti della memoria”, dal quale è nato un vero e proprio “spin off”, un blog molto seguito e apprezzato (http://cassettidellamemoria.wordpress.com) e nel pochissimo tempo libero, oltre a cercare sempre l'ispirazione per provare a raccontare storie nuove, ha un classicissimo lavoro da impiegato.